(+39) 329 4571064

Identitas: Lo Staff


cafa marina
  • Marina Cafà


  • Impegnata fin da giovanissima in attività di volontariato culturale, ha fatto della sua passione per l'arte e per il patrimonio culturale una professione, indirizzando i suoi studi e la sua formazione - non si finisce mai di imparare! - verso tali ambiti.

    Scopri di più

    Si è laureata in Lettere Classiche con il massimo dei voti e si è specializzata in “Economia del recupero e della valorizzazione dei Beni Culturali” con un Master alla Scuola Superiore di Catania; ha collaborato con gli Assessorati alla Pubblica Istruzione ed alla Cultura del Comune di Catania, con progetti di valorizzazione della cultura siciliana e del centro storico di Catania.

    Ha collaborato, come relatrice di conferenze ed organizzatrice di eventi, con l’Archeoclub di Catania e con la Delegazione FAI di Catania, per cui dal 2008 al 2014 è stata la responsabile del primo “GRUPPO GIOVANI” nato in Italia, battezzato da Piero Angela. È relatrice presso associazioni e circoli culturali su tematiche legate a Sant’Agata, alla storia della Sicilia ed alla tutela e valorizzazione del patrimonio culturale materiale ed immateriale.

    Ha insegnato italiano e latino presso Licei ed istituti di istruzione secondaria di Catania e Roma, ed è stata cultrice della materia Storia dell'Arte Contemporanea all'Accademia di Belle Arti di Catania per gli anni accademici 2011/2012 e 2012/2013 affiancando la docente titolare, Prof.ssa Ornella Fazzina. Insegna Storia, Arte e Tradizioni di Sicilia presso master e corsi di formazione professionale; è autrice di audio-guide turistiche sul territorio siciliano e dal maggio 2014 è Guida Turistica della Regione Siciliana.

    Ha gestito la segreteria organizzativa della mostra “Modigliani, ritratti dell’anima” (Castello Ursino, dicembre 2010 - febbraio 2011) e si è specializzata nel settore della raccolta fondi presso “The Fund Raising School” di Forlì (2010). Per la Fondazione Puglisi Cosentino, con sede a Palazzo Valle (CT), è stata responsabile delle relazioni pubbliche e dei progetti di raccolta fondi, ed ha gestito la segreteria organizzativa e le attività didattiche delle mostre "I grandi capolavori del Corallo" (marzo-maggio 2013), "Louise Nevelson" (settembre 2013-gennaio 2014), "Julio Larraz. Del mare, dell'aria e di altre storie" (marzo-luglio 2014).

    Ha ideato e curato per il Teatro Stabile di Catania l’iniziativa “Percorsi Identitari: la figura femminile in Sicilia tra memoria storica e rappresentazione” (stagione teatrale 2011-2012).

    Ha curato le visite guidate e le attività didattiche per il Museum & Fashion di Marella Ferrera per le mostre: "Dee, Madonne, Sante e Regine", "Sicilia in Festa: Kone, Santi e Lumere" e "Sicilia in Festa: Omaggio a Sant'Agata". Attualmente è guida alla mostra di "Chagall, Love & Life" al Castello Ursino di Catania, ed è responsabile della segreteria organizzativa e delle attività didattiche alla Fondazione Puglisi Cosentino per la mostra "Pietro Ruffo. Breve storia del resto del mondo" a cura di Laura Barreca.

    Visualizza il profilo su   linkedin

In collaborazione con:
schillaci elita
  • Carmela Elita Schillaci


  • Professore Ordinario di “Imprenditorialità, Nuove Imprese e Business Planning“, Università di Catania. Specializzata in “Analisi e Pianificazione Strategica“- SDA Bocconi e alla New York University, Center of Entrepreneurial Studies, è stata Preside della Facoltà di Economia di Catania, Fondatrice dell’Incubatore universitario Medspin e fino al 2011 amministratore delegato del Distretto tecnologico Micro e Nano Sistemi Sicilia.

    Scopri di più

    E’ Presidente della Fondazione SVP (Sicilian Venture Philantropy), della rete WE (Women House for Innovation), Presidente Onorario di Cogip Holding e Consigliere della “Fondazione del Merito”.

    Tra i progetti di ricerca 2013, è responsabile scientifico di “Start up eco-sostenibili nelle aree siciliane ad elevato rischio ambientale” e di vari progetti PO FSR 2007-2013, Linee di intervento “Ricerca, Innovazione e cooperazione con imprese” nei settori digitale, turismo 2.0, high tech sanitario. Si occupa principalmente di start up, innovazione e high-tech, governance e family business, marketing territoriale. E’ autrice di numerose pubblicazioni italiane ed internazionali; tra gli ultimi libri: Le Fondazioni tra mito di famiglia e sostenibilità intergenerazionale, McGraw-Hill, 2012.

marella ferrera
  • Marella Ferrera


  • Stilista di fama internazionale e catanese DOC, è innamorata della terra di Sicilia, che omaggia attraverso una ricerca minuziosa sulle forme e sui materiali della tradizione, quasi a tirarne fuori l'anima. Così racconta l'Isola con trame, tessuti, colori e materiali poveri che nobilita e trasforma in manufatti d'arte.

    Scopri di più

    Nel 2008 seguendo la memoria del passato, la stilista ha deciso di far rivivere e donare alla sua città, a 250 anni esatti dalla sua fondazione, uno dei luoghi che nel Settecento ed Ottocento fu un punto di riferimento della cultura europea, il Museo del Principe Ignazio Paternò Castello, V Principe di Biscari, destinato a diventare sede di un ufficio postale.

    Il suo nome è legato anche al ritorno delle dee di Morgantina Demetra e Kore, i celebri acroliti del V secolo a. C., esposti nel museo archeologico di Aidone, di cui ha curato la vestizione, ridando loro un corpo e un'anima.

    Nel 2010 ha ricevuto l'onorificenza di "Commendatore" dell'Ordine al Merito della Repubblica., e sono numerosi i progetti e gli eventi culturali in cui è impegnata e che realizza per veicolare l'immagine della Sicilia nel mondo.

silvana raffaele
  • Silvana Raffaele


  • E' professore ordinario di Storia moderna presso l’Università di Catania. E' specialista in Storia della Sicilia, in particolar modo del periodo borbonico nell’Italia meridionale. La sua attività scientifica ha privilegiato temi di storia politico-sociale relativi all’infanzia, alla famiglia, alle donne, ai beni culturali e ai processi di formazione delle élite e delle classi dirigenti nella Sicilia dell'antico regime.

    Scopri di più

    Ha al suo attivo oltre settanta pubblicazioni ed è stata animatrice di eventi ed attività finalizzate alla promozione del paesaggio urbano della città di Catania.

    Attualmente è impegnata nel recupero della memoria storica di Catania attraverso itinerari innovativi di turismo culturale, con il progetto da lei ideato “Catania e i suoi palazzi: il recupero della memoria”, realizzato in collaborazione con il Comune di Catania ed il Rotary Club Catania Est e finalizzato alla creazione e collocazione di tabelle turistico - culturali davanti ad edifici di interesse storico-artistico esistenti nel tessuto urbano catanese (secoli XVIII - XIX).

maria di blasi
  • Maria Teresa Di Blasi


  • E' archeologo presso la Soprintendenza di Catania, con competenze anche in attività di valorizzazione dei siti UNESCO e di didattica dei Beni culturali. E’ stata docente di storia dell’Arte, storia delle Arti visive, storia del linguaggio fotografico, cinematografico e televisivo, presso Istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado ed Università. Ha frequentato la Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale, Cattedra Edoardo Garrone, ed è Formatore dei formatori nell’ambito della creazione di reti di servizi turistici polifunzionali.

    Scopri di più

    Ha scritto oltre un centinaio di pubblicazioni dedicate a tematiche artistiche, museali, e ad itinerari turistico – culturali; numerose le sue collaborazioni con varie facoltà universitarie (nell’ambito di tematiche sul recupero e valorizzazione dei Beni Culturali, percorsi d’arte e di cultura), e le partecipazioni e consulenze a produzioni televisive. Esperta in didattica dell’arte e museale, ha realizzato iniziative mirate alla formazione di allievi e docenti di istituti nei distretti scolastici di Catania, di Enna e di Siracusa.

ornella fazzina
  • Ornella Fazzina


  • E' laureata al D.A.M.S. sezione Arti, Università degli Studi di Bologna, ed è docente di Storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Catania. Come storico e critico d’arte cura mostre in Italia e all’estero. I suoi interessi spaziano dalle arti visive all’architettura alla museologia e museografia.

    Scopri di più

    E’ consulente storico-artistico del Parco Letterario Elio Vittorini di Siracusa. Collabora con le riviste nazionali d’arte e cultura “Arte e Critica”, “BTA” bollettino telematico dell’arte-Università La Sapienza Roma, “Newl’ink” ed è capoarea per le arti visive della rivista di arte cultura e identità siciliana “Le Fate”. Collabora in Sicilia con fondazioni e musei pubblici e privati.

    Ha al suo attivo numerose pubblicazioni di arte contemporanea, scritti critici e storico-artistici tra i quali Le avanguardie femminili in Russia e in Italia, 1910-1940; L’arte popolare siciliana. La tradizione come fonte del contemporaneo, cataloghi Mazzotta; Sobre libros, Sendemà Editorial; Paolo Scirpa, catalogo Mazzotta. Tra le sue pubblicazioni relative al tema museale si ricordano L’architettura museale dell’ultima generazione. Alcuni esempi di musei d’arte contemporanea, Lombardi editori; Spazi del contemporaneo in Sicilia. Nuove realtà per l’arte del presente, ed. LetteraVentidue. E’ codirettrice della collana Hdemiabooks. Idee per le arti visive, LetteraVentidue Edizioni.

    E’ stata responsabile artistica del progetto monumentale “La Porta della Bellezza”, Librino (CT), Fondazione Antonio Presti. Attualmente è corresponsabile del circuito artistico del sud-est che vede la collaborazione tra l’Accademia di Belle Art di Catania ed i Comuni di Catania, Siracusa, Noto per far veicolare progetti qualificati prodotti dall’Accademia.

Marilisa Yolanda Spironello
  • Marilisa Yolanda Spironello


  • Si diploma nel 2001 in Architettura e Arredamento presso l’Istituto Statale d’Arte di Catania, e nel 2006 in Scenografia indirizzo Beni Culturali, presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, con una tesi sul Don Giovanni di Mozart. Nel 2008 consegue l’abilitazione all’insegnamento di Discipline Geometriche, Architettoniche Arredamento e Scenotecnica e, nel 2010, consegue la Laurea Specialistica in Arti Visive e Discipline per lo Spettacolo ind. Scenografia, progettando una riqualificazione ambientale (illuminotecnica) per il Complesso Monumentale della Chiesa di Santa Maria dello Spasimo a Palermo.

    Scopri di più

    Nel 2011 consegue un Corso di Perfezionamento in Teoria e Metodo dell’Uso delle Tecnologie Multimediali nella Didattica e, nel 2012, consegue un Master di II Livello per la Conservazione, il Ripristino e la Manutenzione Delle Opere D’arte Contemporanee presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo.

    Dal 2005 al 2014 è esperto per svariati progetti scolastici nell’ambito dell’offerta formativa P.O.N. P.O.R. e P.O.F. per la Sicilia, ed ha ricoperto incarichi di docenza presso alcuni Istituti di Formazione Professionale Regionale. Ha curato mostre, eventi culturali, seminari e workshop per l'Accademia di Belle Arti di Catania, l'Università degli Studi di Catania, per enti e fondazioni private catanesi, tra cui Fondazione Brodbeck e Fondazione Puglisi-Cosentino, ed ancora per i Comuni di Catania, Palermo, Erice, Agira, Sperlinga, Spadafora, Siracusa, Mineo, Piazza Armerina, per la Regione Siciliana e per Il MIBAC (Ministero Beni e Attività Culturali e del Turismo).

    Dal 2009 è iscritta nell’elenco dei professionisti abilitati presso la Regione Siciliana – Assessorato Regionale dei Beni Culturali, Ambientali e della Pubblica Istruzione. Dal 2010 è Delegata FAI per il Gruppo Giovani della Delegazione di Catania. Dal 2011 è inserita nella Production Guide della Sicilia della FilmCommission di Catania (per la Sicilia Orientale). E' cultrice della materia per la disciplina di Anatomia Artistica, condotto dalla Prof.ssa Giovanna Lizzio presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, ed è impegnata con un progetto espositivo riguardante la condizione del donna nelle società occidentali tra XX e XXI secolo.

    Ha ricoperto incarichi pubblici all'interno del progetto "I-ART" finanziato con la linea d’intervento 3.1.3.3. del PO FESR SICILIA 2007/2013, avente come capofila il Comune di Catania, sia in qualità di "Assistente" ai Centri Culturali Polivalenti, che come "Esperta in Tradizioni popolari e identità locali". Ha vinto un bando del Ministero dei Beni e Attività Culturali e del Turismo relativo alla digitalizzazione del Patrimonio archivistico italiano, per il quale si sta occupando dello studio e della ricerca di percorsi d'animazione e valorizzazione del patrimonio immateriale relativo alle abitudini delle nobili famiglie palermitane.

    Collabora con la rivista "ALIANTE" bimestrale di cultura, arte e turismo, curando la sua rubrica "Miti e leggende di Sicilia". Autrice, infine, di saggi monografici sul costume in Sicilia, sul Don Giovanni di Mozart, sulla Chiesa dello Spasimo a Palermo e sull'analisi del complesso processo conosciuto come "l'iter progettuale" in architettura. Di recente ha curato anche il catalogo edito della mostra "Cunti" e della mostra di fotografia "Chiamateci streghe".

    Visualizza il profilo su   linkedin
danilo pavone
  • Danilo Pavone


  • Fotografo, collaboratore esperto per la produzione di contenuti multimediali del Laboratorio di Archeologia Immersiva e Multimediale, presso l’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Collabora con Istituti di ricerca in Italia e all’estero (Portogallo) nell’ambito della fotografia e rilievo archeologico 2D e 3D. Ha conseguito il Diploma Accademico di Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Bologna, con una tesi su “Il reportage fotografico”, e si è specializzato in Tecniche Fotografiche per il restauro di opere d'arte, presso l'Istituto per l'Arte e il Restauro di Palazzo Spinelli a Firenze.
    Scopri di più



    Collabora con l’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali sede di Catania (IBAM­ CNR), ed è componente del Laboratorio Archeologico Congiunto Italo­Belga “ROMA” (Roman baths archaeological, Conservation and heritage Management), con il ruolo di esperto rilievi Laser Scanner 3D e Photomodelling. Ha collaborato al POMPEI SUSTAINABLE PRESERVATION PROJECT nell’elaborazione della Galleria Virtuale Interattiva della Necropoli di Porta Nocera, e con l’Instituto Português do Património Arquitectónico (IPPAR).

    In particolare, si occupa di Rilievo fotografico digitale di architettura,­ Rilievo fotografico archeologico, riprese fotografiche ed elaborazione fotogrammetrica per la realizzazione di ambienti virtuali, riprese fotogrammetriche di monumenti, ­ fotografia panoramica immersiva, web gallery virtuale interattiva, ­ modellazione 3D di monumenti, produzione di contenuti multimediali.

giuseppe liuzzo
  • Giuseppe Liuzzo


  • Sin da bambino sono sempre stato affascinato dalle Arti Visive: questo mi ha spinto a trasferirmi a Roma per frequentare l’Istituto Europeo di Design, poi a New York per frequentare la School of Visual Art e, infine, a Milano dove attualmente risiedo e lavoro.

    Scopri di più

    Ho iniziato la mia carriera professionale lavorando per diversi studi di design ed agenzie di comunicazione, su progetti di Branding nazionali ed internazionali. Insegno all'Istituto Europeo di design di Milano e sono un Art Director che cura l'estetica, il design e la coerenza visiva di progetti.

sara donzuso
  • Sarah Donzuso


  • Giornalista, P.R., esperta di comunicazione con la passione per la scrittura e l'interesse per il sociale. Laureata in Scienze della Comunicazione e in Culture e Linguaggi per Comunicazione, da sempre opera nel settore del giornalismo, alternando al lavoro in televisione collaborazioni con giornali cartacei e online.

    Scopri di più



    Accanto al giornalismo corre parallela la sua passione per la comunicazione (il suo motto è il primo assioma della comunicazione ossia "non si può non comunicare") e l'organizzazione di eventi, soprattutto di carattere sociale (da anni si è intestata diverse cause a favore di associazioni onlus che si occupano di diversamente abili, organizzando manifestazioni di vario tipo al fine di far conoscere questa realtà e per dare un aiuto concreto alle famiglie dei ragazzi disabili e ai "sibling", fratelli e sorelle di bambini con disabilità). Ha insegnato in diversi corsi di comunicazione e problem solving, gestisce uffici stampa di enti e manifestazioni.

    Amante della sua terra, la Sicilia e Catania - che l'ha vista nascere nel 1982 - sono sempre parte integrante dei suoi racconti, delle sue descrizioni: sono la carta bianca su cui scrivere nuove emozioni e nuove esperienze da condividere.

Tahnee Drago
  • Tahnee Drago


  • Tahnee Drago nasce a Catania nel 1990. Sin dall'infanzia, ha manifestato un forte interesse nelle arti, nel disegno e nella scrittura.

    Scopri di più

    Dopo aver frequentato il liceo scientifico Principe Umberto di Savoia, nel 2012 consegue il Diploma Accademico di Primo Livello in Arti Tecnologiche all'Accademia di Belle Arti di Catania con una tesi sul videoclip. A ottobre 2013, è stata selezionata ad esporre il suo progetto fotografico Amor Lethaeus alla decima edizione del Premio Nazionale delle Arti tenutasi a Bari e a Novembre all'Art Market di Budapest. Inoltre, nel Luglio del 2015, lo stesso progetto è stato esposto al primo Festival Internazionale delle Scuole d'Arte e di Design (FISAD) organizzato dall'Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino. Nel 2014, ha concluso i suoi studi all'Accademia di Catania, conseguendo il Diploma Accademico di Secondo Livello in Fotografia, dopo aver fatto diverse esperienze artistiche nel campo fotografico e video.

    Proiettata dunque verso le arti visive, per maturare la sua ricerca personale, si avvale del linguaggio video realizzando alcuni progetti come Asymptotes, quarto classificato nella sezione "Nuove tecnologie per l'arte" al Premio Abbado 2015 indetto dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR). Attualmente è cultrice della materia "Storia e teoria del videoclip" presso l'Accademia di Belle Arti di Catania, oltre che fotografa e videomaker freelance, focalizzando i suoi studi nel campo della regia cinematografica e della sceneggiatura.

Produrre Cultura è produrre Civiltà